Strappare lungo i bordi: tutti i riferimenti nella serie di Zerocalcare

0
546
Zerocalcare riferimenti

Dal alcuni giorni è stata rilasciata su Netflix la serie animata di Zerocalcare Strappare lungo i bordi, la quale è stata accolta positivamente sia da critica che da pubblico. Zerocalcare ha arricchito la sua serie con decine e decine di riferimenti ad altri film, serie e opere nel corso dei sei episodi. Alcuni di questi riferimenti sono lapalissiani, altri decisamente più nascosti. Di seguito potete trovare tutti i riferimenti presenti in Strappare lungo i bordi.

boostgrammer

Primo episodio Zerocalcare riferimenti

  • Nella metro, ad inizio episodio, sono presenti dei poster che vanno a parodizzare alcune celebri pellicole. I poster in questione rappresentano i film fittizi Anvedi sti giapponesi, Giappo Attack (che parodizza Pearl Harbor) e Orco de panza orco de sostanza, Orks (che parodizza Shrek). Il titolo della terza locandina non è leggibile ma, nonostante ciò, l’aspetto delle quattro protagoniste rappresentate suggerisce che il film parodizzato in questione sia Sex and the city.
  • Tra i vari oggetti sottoterra, è possibile intravedere un Game Boy.
  • Durante i festeggiamenti dello scudetto della Roma, al termine della stagione 2000/2001, Zerocalcare si ritrova in una folla di tifosi con indosso la maschera di EVA-01, credendo che quella fosse la celebrazione dell’uscita del DVD di Evangelion.
  • Zerocalcare cita gli avvenimenti del G8 di Genova e racconta di aver subito degli schiaffi da un agente della Forestale. L’agente in questione è rappresentato come il Ranger Smith nelle serie animate con protagonista l’orso Yoghi.
  • Nella camera di Zerocalcare in quest’episodio troviamo una pletora di citazioni al mondo della musica e del cinema. Viene citato il disco dei Metallica Master of puppets (parodizzato in Maestro de pupi), il disco dei Clash London calling (parodizzato in Londra chiama), Jurassic Park e X-Files. Quest’ultimo viene citato con l’iconica frase I want to believe, tradotta in romanesco con Ce vojo crede.
  • Tornando a parlare della sfera musicale, nella scena in cui Zerocalcare è al negozio di dischi con Alice è presente l’album Plastic Surgery Disasters dei Dead Kennedys (parodizzati con Presidenti morti).
  • Nella scena in cui Zero e Sarah parlano delle differenze tra i bagni maschili e quelli femminili, una scritta sui muri recita Don Matteo amico delle guardie. Si tratta chiaramente ad un omaggio alla serie con protagonista Terence Hill.

I film e le serie di Netflics

Sempre nel corso del primo episodio Zerocalcare decide di guardare qualcosa su Netflix (parodizzato in Netflics). In questa sequenza i film e le serie TV parodizzate sono innumerevoli. Ecco di seguito tutti i prodotti citati:

  • 300 (Semo spartaniii)
  • Bridget Jones’s Baby (Brigida Gions è pregna)
  • Bright (Luminoso)
  • Dark (Nun ce capisci mai un cazzo)
  • Fast and Furious (Fasti e furiosi)
  • Hill House
  • La regina degli scacchi (La regina de sticazzi)
  • Lo squalo (Te magno)
  • L’odio (La Haine)
  • Me before you (Me prima de te)
  • Ritorno al futuro (Come innamorasse de tu madre ner passato)
  • Sense8
  • Skam (Pischelli che s’ennamorano)
  • Star Trek (Stà ar trec)
  • Star Wars V – L’impero colpisce ancora (L’impero riattacca e mo so’ cazzi),
  • The Crown (The Corona)
  • Voglio mangiare il tuo pancreas (Me te magno ‘a milza – Amore e cannibalismo),
  • War (A guera)

Secondo episodio

  • Ad inizio episodio c’è un riferimento al tamagotchi, la piccola console portatile il cui scopo era quello di prendersi cura di un animaletto virtuale.
  • I riferimenti a casa di Zerocalcare sono innumerevoli. Anche in quest’episodio, infatti, sono presenti numerose citazioni al mondo della musica e della cinematografia. Nello specifico vengono citati tramite alcune locandine, per quanto concerne l’ambito musicale, gli Angelic Upstarts, i Brigada Flores Magon e i Duap i Brigada Flores Magon. Per quanto riguarda invece il mondo del cinema, troviamo i poster del film This is England (parodizzato in Questa è l’Inghilterra), del film Inglourious Basterds (parodizzato in Ingloriosi Malandrini) e Rogue One: A Star Wars Story (parodizzato in Rog Uan – Na storia de Guera fra’e stelle).
  • Il poster elettorale L’ultimo faggiano è un riferimento al settimanale L’Espresso, il quale dedicò a Zerocalcare una copertina a lui dedicata intitolata L’ultimo intellettuale
  • Sullo schermo del telefono di Zerocalcare è presente un disegno come sfondo che cita una vignetta de Gli scarabocchi di Maicol&Mirco.
  • Nella scena in cui viene citato il mito della caverna di Platone, l’ombra che viene proiettata sul fondo della caverna è un omaggio al simbolo che viene proiettato sui cieli di Gotham per chiedere l’aiuto di Batman.

Terzo episodio

  • I poster sono una costante nella serie Strappare lungo i bordi. Anche nel terzo episodio ne sono presenti alcuni, questa volta però a casa di Sarah. I poster in questione citano Tomboy, film del 2011 e In Utero, l’ultimo album dei Nirvana pubblicato nel 1993.
  • Nella scena in cui viene descritta la passione di Sarah per l’insegnamento, viene citata l’iconica scena dei banchi del film L’attimo fuggente con Robin Williams.
  • Quando viene citata la famiglia Kennedy c’è un riferimento al gioco Indovina Chi, che nella serie viene parodizzato in Funeral chi?
  • Le ragazzine topo per “fondersi” usano la tecnica della fusione tramite la danza di Metamordi di Dragon Ball.
  • Zerocalcare presta al ragazzino lucertola il DVD del film L’odio (parodizzato in Che odio), di Mathieu Kassovitz.
  • In alcuni dialoghi e riferimenti visivi vengono citati i film The Others, L’attimo fuggente, Apocalypse NowAladdin, Godzilla e la serie TV The Handmaid’s Tale.
  • La serie è pregna di riferimenti a Star Wars. In quest’episodio Zerocalcare, in una delle sue iperboliche descrizioni del rapporto che ha con gli altri personaggi, diventa un Jedi e cerca di utilizzare i suoi “trucchi mentali” per ingannare Secco/Darth Maul.

Quarto episodio

  • In una scena è possibile vedere un pallone con disegnata in rosso la faccia di Armadillo. È un riferimento a Wilson del film Cast Away.
  • Nei futuri apocalittici immaginati da Zerocalcare, gli stili utilizzati ricordano volutamente quelli di Ken il guerriero e Mad Max.
  • Sempre nella stanza di Zerocalcare viene citato nuovamente Star Wars V – L’impero colpisce ancora. Inoltre, nella libreria, è presente il gioco da tavolo Small-Mond, riferimento a Small World.
  • Sempre rimanendo nella sfera dell’universo di Star Wars, è presente un casco da Mandaloriano sul tavolo della casa.
  • Nella stanza di Zero, a terra accanto al groviglio di cavi, vediamo un Nintendo Switch, un Wii e una PlayStation 5.
  • Il Divano di Spade è un chiaro riferimento al Trono di Spade, Castel Cartone a Castel Granito, Approdo Superfluo ad Approdo del Re, tutti luoghi ed elementi ricorrenti della serie TV Game of Thrones, tratta dalla serie di romanzi Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco.
  • È presente un altro riferimento al film L’odio con una locandina che riporta questa volta il titolo L’astio.
  • Per via del freddo che si avverte sul treno, Zero si immagina di essere finito nel treno di Snowpiercer, il film di Bong Joon-Ho.
  • Sempre nella scena del treno, ci sono altri due riferimenti, uno alla serie animata Futurama, l’altro, nuovamente, all’universo di Star Wars.

Quinto episodio

  • All’inizio del quarto episodio Zero dice che lui e Alice sono come Joey e Dawson, personaggi della serie Dawson’s Creek.
  • Tra gli album in vetrina che vediamo ad inizio episodio vediamo Dark Side of the Moon dei Pink Floyd e The Velvet Underground & Nico, dei Velvet Underground e Nico.
  • Il Sergente Hartman di Full Metal Jacket parla dell’omosessualità nell’esercito americano.
  • La vignetta disegnata da Zerocalcare Lo Spezzaccoppie è un omaggio al personaggio dei fumetti Mandrake il mago.
  • A casa di Alice ad una parete è appeso il poster di Mommy, film di Xavier Dolan.
  • A casa di Zerocalcare è possibile intravedere due vinili, uno dei Beatles e l’altro dei Clash.
  • Nella scena che si svolge davanti ad un cinema sono presenti le locandine di Lost in translation (parodizzato in Famo a capisse), Mektoub My Love (parodizzato in Escargot my love), e I miserabili (parodizzato in Un drame français soporifique). Sempre in questa scena viene citato il film Interstellar.
  • Durante la nottata da Alice, lei e Zero guardano insieme alcune puntate della serie TV Una mamma per amica.
  • La scena in 8 bit in cui vediamo la mamma di Alice e Zero combattere è un chiaro omaggio alla serie di videogiochi Street Fighter. Inoltre, il costume indossato dalla donna è un riferimento al personaggio di Dalson, mentre quello di Zero omaggia quello iconico di Ryu, altro personaggio di Street Fighter.
  • Nonostante il chiaro riferimento a Street Fighter, in questa scena Zero parla delle “combo infinite” di Mortal Kombat, altro celebre picchiaduro.
  • Viene citata la celebre Cura Ludovico del film Arancia Meccanica di Stanley Kubrick.

Sesto episodio

  • In una scena Secco mangia i Pan di Stelle, che qui diventano i Pan di Sberle.
  • È presente un riferimento a Klondike, il celebre solitario di Windows.
  • Uno degli invitati al funerale di Alice ha la maschera del panda, chiaro riferimento a Giacomo Bevilacqua (aka Keison), fumettista italiano.

E voi, cosa ne pensate? Fateci sapere la vostra con un commento qua sotto e continuate a seguirci su Cinemondium! Zerocalcare riferimenti

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui