The Boys: sangue, sesso e violenza

100
0
CONDIVIDI
Boys stagione uscita

Il successo di The BoysBoys stagione uscita

The Boys, la serie evento di quest’estate  di Amazon Prime Video, si è affermata come la più vista di tutta la piattaforma streaming. Il suo successo è stato talmente eclatante che ne è valsa la sua riconferma e di conseguenza la sua produzione per altre stagioni. Uno dei creatori del fumetto, Garth Ennis, ha parlato ai microfoni durante un’intervista per la CBR, affermando il suo entusiasmo per l’abbondante consenso positivo da parte del pubblico. Boys stagione uscita

Boys stagione uscitaLa violenza che piace

Secondo Ennis, il motivo dell’immenso successo di The Boys è “l’elevato grado di malefatte, qualcosa che caratterizza il mondo in questi tempi.”

E a ciò ha aggiunto anche alcune dichiarazioni più precise:

 “La sensazione che tutti siano sporchi, e che l’unica domanda sia se preferire uno status quo abbastanza corrotto o un mondo del tutto nuovo ma pericolosamente folle. Se vuoi un mondo pre o post 2016 [ndR. elezione di Donald Trump], in altre parole.” 

La storia di The Boys è stata concepita da Garth Ennis e Darick Robertson già quindici anni fa. Pertanto il fumettista ha affermato che cambierebbe alcune cose se dovesse aggiornarla ai nostri tempi.
“La grande differenza sarebbe l’ascesa dei social media, che metterei in scena in maniera tale da rendere le cose un 90% peggiori.”

Anti-eroi, ma non troppo

Spostandosi su due personaggi centrali della serie, Ennis ha avanzato altre ipotesi. Riguardo Billy Butcher dice:
“Amo il suo accento e il suo senso dello humor, ma soprattutto incarna uno dei miei sospetti sul mondo, ovvero che le persone buone servano sostanzialmente a poco, e che ci voglia un cattivo per sistemare le cose”. 
Boys stagione uscita
Mentre riguardo all’antagonista Patriota ha affermato:
“Credo che sia per la sensazione che dietro le buone maniere, le vecchie tradizioni e la sincerità ci sia sempre la costante minaccia di essere tagliati in due da un semplice sguardo.”

Trama “The Boys”

I supereroi che vivono nel mondo moderno, fra social network e grandi società, sono seguiti da una multinazionale che ne gestisce immagine, merchandising, apparizioni e collocazioni nei vari stati del nord-america. Ma i “super” non sono sempre quello che sembrano: hanno vizi, più o meno accettabili dall’opinione pubblica, e commettono errori. La Vought-American si occupa di nascondere al mondo i difetti dei loro assistiti e di gestire le loro eroiche azioni, arrivando anche. ad organizzare finti crimini, affinché aumentino la loro popolarità. In base al gradimento del pubblico, ai Super vengono dati incarichi più o meno importanti, diventano star del cinema e testimonial commerciali di prodotti che sponsorizzano la Vought-American.

Il gruppo di Super più famoso sono i Sette, capitanati dal Patriota, il perfetto eroe americano. Con la dipartita di Jack da Giove, viene inserita nel gruppo la giovane eroina Starlight, molto amata dal pubblico perché incarna lo stereotipo della brava ragazza del sud. Ma subito i colleghi si rivelano cinici e tutt’altro che eroici come pensava.

Il giovane Hugie è insieme alla sua ragazza quando A-Train la travolge in piena corsa, disintegrandola. Il Super si scusa spaventato e scappa. Questo fatto e la richiesta di Hugie di avere giustizia, fanno sì che venga avvicinato. da Billy Butcher che vuole riformare la squadra di ex-agenti incaricati di punire i Super per i loro crimini: i “Boys”.

Continuate a seguirci su Cinemondium

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

LASCIA UN COMMENTO