Tutto quello che vuoi. Uno sguardo contro l’indifferenza

833
1
CONDIVIDI
Tutto quello che vuoi

Un film che fa bene al cuore e lo scalda, con la sua semplicità.Tutto quello che vuoi confronto generazioni

Non è una storia poi così originale. Non ce n’è bisogno.

(Ri)scoprire la tenerezza nei rapporti fa sempre bene. Ribadire che una casa piena di libri può incutere rispetto non è mai retorico.

tutto quello che vuoi locandina

Una riflessione profonda che nasce attraverso il sorriso. Una sensazionale regia di Bruni che lascia spazio a una intensa presa di coscienza.

Trama

Alessandro (Andrea Carpenzano), ventidue anni, è un trasteverino ignorante e turbolento; Giorgio (Giuliano Montaldo), ottantacinque, è un poeta dimenticato.

Sebbene i due vivano a pochi passi di distanza, non si sono mai incontrati. Finché, un giorno, Alessandro è costretto ad accettare un lavoro come accompagnatore di quell’elegante signore in passeggiate pomeridiane.

tutto-quello-che-vuoi

Col passare dei giorni dalla mente un po’ smarrita dell’anziano poeta, e dai suoi versi, affiora progressivamente un ricordo del suo passato remoto: indizi di una vera e propria caccia al tesoro.

Seguendoli, Alessandro si avventurerà insieme a Giorgio in un viaggio alla scoperta di quella ricchezza nascosta, e di quella celata nel suo stesso cuore.

Un film che nasce da un vissuto familiare

Un lavoro che nasce dal vissuto familiare del regista. Suo padre è da qualche anno affetto dal morbo di Alzheimer e ha progressivamente sviluppato una regressione verso il passato: così persone e accadimenti venuti decenni prima, tornano reali.

Un film nel quale si percepisce la straordinaria capacità di una scrittura attenta, senza retoriche e sentimentalismo.

Bruni ci porta a passeggiare insieme a questo anziano signore a cui la malattia non ha fatto perdere la signorilità del gesto e la sensibilità del poeta. Tutto quello che vuoi confronto generazioni

Due generazioni a confronto

Uno straordinario Giuliano Montalto che da corpo a un Giorgio costantemente “vero”, e un Andrea Caperzano che ne regge il confronto.

Andrea Carpenzano

Il rapporto di Alessandro con il mondo degli adulti è complicato. Sia con il padre e la compagna di lui, che con la madre di un coetaneo. Tutto quello che vuoi confronto generazioni

Il riferimento va a una società affetta da Alzheimer collettivo, la cui soluzione è una presa di coscienza della storia. Che passa attraverso chi ci ha preceduto. Tutto quello che vuoi confronto generazioni

Continuate a seguirci su Cinemondium.com

 

 

[Voti: 1    Media Voto: 5/5]

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO